I Cuva

2+1 AAF

Gruppo di lavoro: urb. Antonino Cuva, arch. Antonino Cuva, arch. Francesca Cuva

RU106_A2-2-01

RU106_A2-2-01
Immagine 1 di 3

Inquadramento dell’area nel contesto
L’area di intervento è localizzata a Marina del Cantone, frazione costiera del Comune di Massa Lubrense (NA) e comprende rispettivamente tutta l’area inerente la Piazza delle Sirene (2596 mq) e l’area retrostante di Largo Argentina (1854 mq).
Più precisamente la frazione di Marina del Cantone si affaccia sul golfo di Salerno ed è situata tra la baia di Ieranto e Recommone. Il piccolo borgo marinaro è collegato al Comune di Nerano e all’interland territoriale dalla Via Amerigo Vespucci che percorre tutto il tratto da monte a valle.

Stato di fatto
Ad oggi, lo stato attuale dell’area in esame svolge una funzione prettamente di parcheggio, oltre a quella caratteristica di località balneare, con una capacità di accoglienza massima di 80 automobili e risulta essere unico punto di snodo della mobilità. A definire ulteriormente lo spazio, vi sono gli edifici che si affacciano sulla piazza. Quest’ultima riscontra alcune criticità individuabili nello stato fatiscente del manto stradale, in un arredo urbano ed in una distribuzione degli spazi per alcuni aspetti precaria. All’interno dell’area adibita a parcheggio vi è un container adibito ad ambulatorio pubblico. Allo stesso modo di Piazza delle Sirene, anche la zona retrostante di Largo Argentina è adibita a parcheggio ed è caratterizzata anch’essa da un manto stradale precario.

Proposta progettuale
Il progetto ha la finalità di riqualificare dal punto di vista urbanistico, architettonico e sociale la piazza, patrimonio pubblico finora inutilizzato, e restituirlo alla città con un’identità e una funzione pubblica di partecipazione e condivisione di spazi. La proposta avanzata dal nostro gruppo di progettazione, individua innanzitutto un decongestionamento del traffico veicolare totale in entrambe le aree di esame, individuando un’alternativa al sistema della mobilità e al sistema degli spazi pubblici
conferendo nuovamente una funzione di luogo di aggregazione e di svago.
Per quanto riguarda il sistema della mobilità, è stata individuata un’area per la realizzazione di un nuovo polo di interscambio in modo da accogliere pullman e auto, dando inoltre la possibilità di visitare la località a piedi o tramite mezzi alternativi (bike sharing o servizio navetta).
Il punto cardine intorno al quale ruota tutto il progetto è la riqualificazione di Piazza delle Sirene. L’intervento prevede la decongestione del traffico eliminando i parcheggi all’interno della piazza e creando contemporaneamente uno spazio pubblico fruibile ai pedoni. Si conferisce in questo caso un restyling a tutta la piazza, ripensandone lo spazio, gli arredi e gli accessi a mare, riappropriandola inoltre della sua identità primordiale, ovvero un luogo di incontro e di svago che riesce a godere di una meravigliosa cornice paesaggistica. Si prevede inoltre di rendere libera la spiggia da sdraio e ombrelloni ad oggi oggetto di privatizzazione da parte dei lidi sul litorale.
All’interno di Piazza delle Sirene si prevede la ripavimentazione in blocchi di pietra rettangolari 30 x 60 cm e l’installazione di nuovi elementi di arredo tra cui sedute in legno di forma esagonale fornite di caricabatterie per dispositivi mobili; alcuni di questi moduli esagonali si prestano ad essere veri e propri vasi per piante aromatiche a disposizione dei fruitori.
Un grande albero di Rovere al centro, alberature di ciliegio e l’installazione di fioriere con la piantumazione di oleandri costituiscono nuovi elementi di arredo e conferiscono allo stesso tempo un aspetto ornamentale migliore alla piazza.
A ridosso della spiaggia, inoltre, vi è la realizzazione di un punto panoramico che permette di godere di uno straordinario scenario su tutto il litorale e sul Mar Tirreno.
Largo Argentina viene ripensato come uno spazio di fruizione pubblica ed un centro per nuove attività commerciali realizzate in pannelli di x-lam, quali un caffè letterario/info point, un chiosco di street food ed una bottega di prodotti tipici.
Anche questo spazio assume un ruolo fondamentale all’interno del progetto in quanto, tramite la realizzazione di un percorso ciclo-pedonale diventa a tutti gli effetti un punto di connessione per i turisti e i bagnanti. Infine è prevista la rivisitazione dell’accesso a mare pavimentando la scalinata con i blocchi di pietra locale, l’installazione di nuove fioriere, illuminando questo nuovo accesso attraverso fari da terra.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *