Il Concorso

"Si.RE.Ne." è un concorso di idee volto a raccogliere contributi per la rigenerazione e riqualificazione di Piazza Sirene Marina del Cantone – Massa Lubrense.
Il concorso intende selezionare le migliore idee e i migliori gruppi che meglio riescono ad esprimere e valorizzare la sinergia delle diverse competenze, necessarie per gestire la complessità del progetto.
Il Concorso di idee "Si.RE.Ne.”, nasce dalla sinergia virtuosa tra Riscatto Urbano e società civile, espressa nell’occasione dal Consorzio AmoNerano. L’esigenza è quella di restituire alla collettività (residenti, turisti, ecc.) una fruizione più sociale di Piazza delle Sirene, riappropriarsi di uno spazio urbano oggi utilizzato come parcheggio, negato alla vita collettiva della città e priva delle dinamiche sociali tipiche delle piazze.

Scarica il bando

Il concorso intende sottolineare l’importanza di considerare il progetto urbano attraverso un approccio integrato che consideri la multidimensionalità degli interventi, ragion per cui sarà premiata la multidisciplinarietà del gruppo.
La partecipazione è aperta agli studenti e ai neo-laureati che hanno conseguito il Titolo di Studio negli ultimi 18 mesi dalla data di pubblicazione del bando. È possibile partecipare esclusivamente in gruppo costituito da un minimo di 3 ad un massimo di 5 persone. Il gruppo può essere composto da architetti, ingegneri, urbanisti, designer, sociologi, etc. All’interno del gruppo vi è l’obbligo di comprendere almeno uno studente di pianificazione dalla CLASSE LM48 e/o L21.

modalità di partecipazione

Sarà premiata la multidisciplinarietà del gruppo perchè considerata di importanza rilevante ai fini della valutazione finale.

É POSSIBILE ISCRIVERSI ENTRO IL 20 Marzo 2018 ORE 23:59 

  • Richieste di chiarimento entro il 15 febbraio 2018
  • Risposte ai quesiti pervenuti entro il 20 febbraio 2018
  • Termine per le registrazioni 20 marzo 2018
  • Termine per la presentazione del progetto 22 aprile 2018
  • Pubblicazione dei risultati 5 maggio 2018 

Contattaci

*
*
*
*